Al via la rassegna di SpazioTeatro

ph Tommaso Le Pera 1409597517Compagnia Berardi / Casolari
presenta
IN FONDO AGLI OCCHI
di e con Gianfranco Berardi
e Gabriella Casolari
Regia: César Brie


Sala SpazioTeatro

sabato 31 gennaio 2015, ore 21.00
domenica 1 febbraio 2015 ore 18.00
ingresso posto unico € 10,00
si consiglia di prenotare al 339.3223262 – mail: info@spazioteatro.net

Sarà la Compagnia Berardi / Casolari ad inaugurare la nuova stagione teatrale di
SpazioTeatro.
Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari rappresentano una delle realtà più interessanti e ormai affermate della nuova scena italiana, qui diretti da un maestro internazionale come Cesar Brie.
I due autori e interpreti – già passati a SpazioTeatro negli scorsi anni con “Briganti” e “Io provo a volare” si calano ancora una volta nella realtà del nostro paese con il loro linguaggio insieme concreto e surreale.

In scena una barista, Italia, donna delusa e abbandonata dal suo uomo, e Tiresia, suo socio ed amante, non vedente, raccontano la propria storia, i propri sogni mancati, le proprie debolezze e le proprie speranze in un bar, metafora di un paese dove: “…non è rimasto più nessuno…perché ci vuole talento anche per essere mediocri…”.
Sono stati, sono e saranno sempre in “crisi” come il paese in cui vivono, logorati dalla propria esistenza oltre che dal proprio rapporto. La finzione, il mescolamento di vissuti da bar, di frammenti autobiografici e di fantasie drammaturgiche e registiche ci hanno portato qui “in fondo agli occhi” quelli di chi scrive, quelli di chi ascolta, quelli di chi legge, quelli di chi piange , quelli di chi ride, di chi guarda ma non vede, quelli di chi sogna, quelli di chi vede ma non si accorge, quelli di chi cerca, quelli di chi un giorno finalmente rivedrà!
Gianfranco Berardi e Gabriella Casolari terranno presso SpazioTeatro un laboratorio sull’attore creativo il 2 e 3 febbraioleggi altro

dalla rassegna stampa

Gianfranco Berardi è lo spirito libero di un teatro non addomesticato: nel suo (e nel nostro) buio accende lampi spavaldi di intelligenza, risate e struggenti dolcezze. La regia di Cèsar Brie sorveglia con discrezione, la complicità di Gabriella Casolari arrotonda gli eccessi. Inutile resistere a Berardi: anche se non vuoi ti porta in fondo agli occhi, dalle parti del cuore.
Sara Chiappori – La Repubblica

La vitalità di Berardi si accresce di continuo, il suo trip (è la parola giusta) può assumere le forme più eloquenti. In questa occasione egli si chiama Tiresia, frequenta un bar Italia che prende il nome dalla sua proprietaria (Gabriella Casolari) parla e straparla di ogni argomento d’attualità..il suo piacere è questo “prendere a bastonate la vostra ipocrisia.
Franco Cordelli – Il Corriere della sera

La regia di Cèsar Brie ha qualcosa di jazz, un’allegria ragtime che cerca il tempo, di tenere il tempo, perché l’attore ci possa danzare il suo assolo debordante, com’è in scena Gianfranco Berardi…Tutto, tutto il suo teatro è In fondo agli occhi, basta tenerlo sul palco perché sia chiaro, in fondo agli occhi dov’è quella membrana tra la verità e la rappresentazione, quel velo che sta tra le cose e la loro messa in scena.
Simone Nebbia – Teatro e Critica