Da “La bella stagione” a “Punto e a capo”

Avevamo chiuso “La bella stagione” ad aprile con la soddisfazione del debutto di un nuovo spettacolo – Lo spazio bianco – ma anche con una forte amarezza per il futuro della Sala SpazioTeatro: il gruppo, sommerso da debiti, con progetti cancellati dagli enti pubblici, con affitti e utenze duri da mantenere in tempo di crisi, vista l’assoluta assenza e sordità delle istituzioni, si apprestava a chiudere la sede, dedicandosi alla produzione di spettacoli da preparare altrove.
Certo, si perdeva un punto di riferimento vivo da 13 anni, ma la situazione particolare, immersa nella situazione generale della nostra città e del Paese, ci lasciavano poco… spazio.

Stavamo facendo già “le valigie”, qualcuno provava a darci una mano con attività collaterali che però non decollavano nonostante gli sforzi (e saremo loro sempre grati), avevamo già la mano sulla saracinesca da abbassare, quando ci è sorta una domanda: “Ma qual’è il vero patrimonio di SpazioTeatro? Cos’è che abbiamo costruito in questi anni oltre a relazioni più o meno forti, collaborazioni preziose ma spesso precarie, belle serate di cui però ci si scorda all’impegno successivo?”
Ma certo, che domande, abbiamo costruito spettacoli, ne abbiamo tanti pronti ad andare in scena.
E qui le obiezioni: “Ma d’estate i nostri spettacoli non hanno mai girato molto, non sono adatti alle piazze, non riusciamo a competere con musica, cabaret, dialetti vari ecc…”
Tutto corretto, ma il nostro unico patrimonio continua ad essere questo: i nostri spettacoli.
Chi se la sente di andare in scena dovunque, a cachet minimi, anche con il rischio di non guadagnare niente, ma di salvare la Sala SpazioTeatro, per provare, poi, a ripartire?
E qualcuno, per fortuna, ha risposto!

E quindi quest’anno andiamo punto e a capo grazie a:
Marilena Barreca, Anna Calarco, Francesca Chiappetta, Domenico Chilà, Valentina De Grazia, Mimmo Fiore, Andrea Foti, Massimo Lo Presti, Tamara Kobzianidze, Tommaso Lupis, Emanuele Modafferi, Marco Modica, Roberto Morabito, Natalia Mordà, Leo Nucera, Emanuele Palumbo, Helena Pedone, Lorenzo Praticò, Gabriele Profazio, Vanessa Schiavone, Gaetano Tramontana.
Sono attori, allievi, musicisti, amici tuttofare; tutti insieme, con la loro estate, ci hanno permesso di “restare aperti” e riprendere il cammino.

Nasce così PUNTO E A CAPO, la Stagione Teatrale 2013-2014, con non poche novità…